Requienia tortilis

Requienia tortilis
Phylum:
Mollusca
Classe:
Bivalvia
Ordine:
Rudistae
Famiglia:
Requienidae
Località:
Palombaro, Pietraroia, Benevento, Campania, Italia
Età: Cretacico superiore: Albiano inferiore
Collezione: Michele Mainelli
N. Catalogo: 18212

Esemplare isolato di Requienia tortilis. Cretacico superiore di Pietraroia, Benevento. N. Catalogo: 18212

Esemplare isolato di Requienia tortilis. Cretacico superiore di Pietraroia, Benevento. Numero di Catalogo: 18212

Valva sinistra fissa di Requienia tortilis, specie istituita da Mainelli nel 1975, in cui è possibile osservare nettamente l’andamento conico-ritorto delle spire. Le spire si presentano molto svolte ad eccezione della prima, fissa al substrato che presenta una forma quasi piatta in maniera da assicurare alla conchiglia una solida basa di sostegno al substrato.
Le linee di accrescimento delle spire sono a forma di piccole coste trasversali, fitte ed innumerevoli, solitamente ben distinguibili sulla superficie esterna, ma talora, nascoste da una patina di incrostazione.
Il margine terminale della valva si presenta leggermente svasato.
Le forme appartenenti a questa specie si ritrovano in una particolare “Lumachella” a cemento calcareo biancastro o leggermente rosato, dello spessore variabile fino a circa 1m, dove i resti fossili si presentano numerosi, ben conservati e facilmente estraibili.
Il reperto fa parte della Collezione di Michele Mainelli che racchiude 55 esemplari riferiti alla specie Requienia tortilis e 25 esemplari appartenenti alla specie Requienia pietrarojensis.

Bibliografia:
BASSANI F., 1892. Marmi e calcare litografico di Pietraroia in provincia di Benevento. Rend. Ist. d’Inc., serv. 4, 5, pp. 43-46, Napoli
DOUVILLE H., 1914. Les Réquienidés et leur evolution. Bull. Soc. Geol. France, 15, 3, pp.756-882, tavv. 28-30, 19 figg. Testo, Paris.
MAINELLI M., 1975. Requienia tortilis n.sp. nell’Albiano inferiore del Matese centro-meridionale e dei Monti d’Ocre (Appennino centro-meridionale). Boll. Soc. Pal. It., 14, 2, pp. 203-215,2 tavv., 3 figg. testo, Modena

This entry was posted in Museo di Paleontologia. Bookmark the permalink. Both comments and trackbacks are currently closed.