Undina picena

Undina picena
Phylum:
Chordata
Classe:
Osteichthyes
Ordine:
Crossopterygii
Famiglia: Laugidae
Località: Giffoni Valle Piana, Salerno, Campania, Italia
Età: Triassico superiore: Norico
Collezione: Ittioliti di Giffoni Valle Piana
N. Catalogo: 125

Phylum Chordata, Classe Osteichthyes, Ordine Crossopterygii, Famiglia Laugidae

Undina Picena, Triassico superiore di Giffoni Valle Piana, Salerno, n. Catalogo 125

Il reperto, lungo 33,8 centimetri e largo13,7 centimetri, di cui si conserva la parte anteriore del corpo, appartiene ai Celacantidi, gruppo di organismi predatori, il cui unico genere Latimeria, vivente al largo delle coste delle Isole Comore, nell’Oceano Indiano, è uno dei più famosi casi di Fossile vivente.
L’esemplare, estratto da Oronzo Gabriele Costa dagli scisti ittiolitici di Giffoni Valle Piana, nel salernitano, fu descritto dall’insigne naturalista come Urocomus picenus; successivamente, nel 1896, Francesco Bassani lo attribuì al genere Undina, dandone un’accurata descrizione.
Purtroppo la tassonomia di questo gruppo di pesci è molto complessa e, probabilmente, una revisione approfondita porterebbe a un nuovo cambio di genere. Attualmente, infatti, si tende a ridurre il numero dei generi dei celacantidi mesozoici, che in passato hanno visto un periodo di eccessiva proliferazione.

Bibliografia:
BARATTOLO F., dEL RE M. C., 1999. Il Museo di Paleontologia. In: Fratta A. (a cura), I Musei scientifici dell’Università di Napoli Federico II, pp. 261- 317, 33 figg., Fridericiana Editrice Universitaria, Napoli.
BASSANI F., 1892. Sui fossili e sull’età degli schisti bituminosi di M. Pettine presso Giffoni Vallepiana in provincia di Salerno. Mem. Soc. it delle Scienze (detta dei XL), vol. IX, s. III.
BASSANI F., 1896. La Ittiofauna della Dolomia principale di Giffoni (Salerno). Paleontogr. Ital., 1, 169-210.
CLOUTIER R., FOREY P. L., 1991. Diversity of extinct and living actinistian fishes (Sarcopterygii). Springer Netherlands, 32, 1-4, pp. 59-74.
COSTA O.G., 1862. Studi sopra i terreni ad Ittioliti del Regno di Napoli diretta a stabilire l’età geologica dei medesimi. Parte I: Scisti bituminosi di Giffoni, App. Atti R. Acc. Sc., 44pp., 7tavv., Napoli.
TINTORI A., dEL RE. M.C., 1990. Il Norico di Giffoni Vallepiana (Salerno). In: Pesci fossili italiani. Scoperte e riscoperte, Guida alla mostra paleontologica a cura di G. Muscio, A. Tintori e F. Bizzarini, pp. 61-66, Verona.
TINTORI A., LOPS L., 2005. Coelacanths from the Norian (late Triassic) of northern Italy: the state of the art. International Meeting of Fossil fishes. Madrid.

This entry was posted in Museo di Paleontologia. Bookmark the permalink. Both comments and trackbacks are currently closed.