Punta a ritocco convergente

Località: Guardia Sanframondi, Benevento, Campania, Italia
Età: Neolitico
Collezione: De Blasio
Dimensioni: lunghezza cm 5,2
N. Catalogo: MA 1734

Punta a ritocco convergente, n.catalogo MA 1734

Punta a ritocco convergente, n.catalogo MA 1734

Lama ritoccata lungo i margini che appaiono convergenti verso l’estremità distale a costituire una punta. Il reperto, rinvenuto a Guardia Sanframondi, è in selce ed è ascrivibile ad una fase avanzata del Neolitico. Appartiene alla Collezione Abele De Blasio del Museo di Antropologia costituita da 75 manufatti preistorici provenienti da varie località del territorio beneventano, quali Castelpagano, Morcone, Campolattaro, Cerreto Sannita, Pontelandolfo e Telese.
Abele De Blasio fu un profondo conoscitore del territorio sannita e di Guardia Sanframondi in particolare ed ebbe un ruolo preminente nello studio delle antichità e della preistoria beneventana.
In Museo sono presenti altri cinque reperti rinvenuti nel comune di Guardia Sanframondi: una scheggia laminare in selce gialla, compatta ed omogenea, una lamella in selce grigiastra di orizzonte Neolitico, due schegge non ritoccate di aspetto più antico ed, infine, una scheggia che presenta tracce di ritocco bifacciale e una sorta di peduncolo, probabile tentativo abbandonato di realizzare una punta di freccia.
Le conoscenze sulla preistoria del territorio beneventano sono al momento ancora limitate dalla scarsità dei dati a disposizione. Sebbene numerosi scavi archeologici siano stati condotti tra la fine dell’Ottocento e metà del Novecento, con notevoli ritrovamenti di reperti preistorici, le antiche raccolte sono comunque esigue in quanto interessate da una forte dispersione.
Gli interventi di scavo e ricognizione sul territorio sono ripresi negli ultimi anni. Sia le antiche collezioni che i materiali di recente acquisizione sono costituiti essenzialmente da reperti litici; i rinvenimenti di reperti ceramici sono, invece, molto scarsi e consistono al momento in due vasi, conservati presso il Museo del Sannio di Benevento, e in alcuni frammenti provenienti dalle raccolte di superficie effettuate in una ricognizione sulla Variante SS212 Fortorina.

Lama di accetta, Collezione De Blasio, Telese, Benevento, MA 1742

Lama di accetta, Collezione De Blasio, Telese, Benevento, MA 1742

Bibliografia:
FEDELE F., 1999. Il Museo di Antropologia: origini, sviluppo e riscoperta, in I Musei Scientifici dell’Università di Napoli Federico II, a cura di Fratta A., Fridericiana Editrice Universitaria, 185-259.
VARRICCHIO T., 2006. La Preistoria nel Territorio Beneventano. Analisi delle Industrie Litiche. Tesi di Specializzazione in Ecologia Preistorica, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.

This entry was posted in Museo di Antropologia, Senza categoria. Bookmark the permalink. Both comments and trackbacks are currently closed.