Gasteropodi

Danilia tinei Z1873

Danilia tinei, Collezione Malacologica Mediterranea, Capri, Z1873

Questa classe, la più ampia del phylum Mollusca, comprende specie molto diverse fra loro nell’aspetto e nei modi di vita. Il corpo è, generalmente, asimmetrico e di dimensioni variabili tra 0,1-50 cm. Il capo è ben differenziato, munito di occhi, di una o due coppie di tentacoli sensoriali e di una bocca dotata di radula. Il piede è ventrale, ben sviluppato e strisciante; in alcuni casi può essere assente, ridotto o modificato. Caratteristica di questa classe è la spiralizzazione e la torsione della massa dei visceri, che, durante lo sviluppo, ruota di 180° in senso antiorario rispetto al capo e al piede, e si avvolge a spirale. Ciò porta in avanti la cavità palleale, nella quale sono contenuti il sistema digerente, quello respiratorio (costituito da 1-2 ctenidi o branchie secondarie), quello escretore (costituito da due nefridi, anche se in molte forme un rene è piccolo o assente) e quello riproduttivo. La conchiglia, quando è presente, è unica, non concamerata, generalmente spirale o conica, con avvolgimento verso la parte posteriore del corpo. L’animale, in caso di pericolo, può ritirare capo e piede nella conchiglia e chiudere l’ingresso grazie ad una formazione cornea o calcificata del piede, detta opèrcolo. In genere a sessi separati, con fecondazione esterna e larve trocofora e veliger. Alcune specie presentano fecondazione interna e sono vivipare, altre sono ermafrodite.
Gruppo di grande successo evolutivo comprende specie marine, di acqua dolce e terrestri. Se ne conoscono circa 76.000 specie, delle quali 1.200 presenti nel Mediterraneo. Molte sono erbivore, altre si nutrono di detriti o di sostanze organiche, altre ancora sono carnivore e si cibano di un altro mollusco, forandone la conchiglia o mangiano vermi, ricci e pesci.
La classificazione tassonomica dei Gasteropodi è molto discussa e in continua revisione soprattutto alla luce delle recenti evidenze sperimentali derivanti da studi molecolari di analisi del DNA.
Lo schema di classificazione tradizionale suddivide la classe Gasteropoda in sei sottoclassi, Prosobranchia, Heterobranchia, Opistobranchia, Gymnomorpha, Polmonata, Divasibranchia.
La classificazione più moderna distingue due sottoclassi principali, quella degli Eogastropoda e quella degli Orthogastropoda.

Bibliografia:
NEGRA O., ZOBELE LIPPARINI G., 2005. I molluschi e le loro conchiglie. Guida al riconoscimento. Franco Muzzio Editore, pp.350 .
PONDER W.F.,  LINDBERG D.R., 1997. Towards a phylogeny of gastropod molluscs: an analysis using morphological characters. Zoological Journal of the Linnean Society, 119: 83-265.

This entry was posted in Link. Bookmark the permalink. Both comments and trackbacks are currently closed.