Mammiferi

Ornitorinco (Ornithorhynchus anatinus ) Z335

Ornitorinco (Ornithorhynchus anatinus), Australia, Z335. Foto di Antonio Pietro Ariani

La classe dei Mammiferi comprende Vertebrati Tetrapodi i cui caratteri distintivi includono: pelle munita di peli, disposizione parasaggittale degli arti, due condili occipitali, sviluppo di mammelle che nella femmina servono all’allattamento della prole, temperatura corporea indipendente dalle variazioni ambientali (endotermi), tranne che nei Monotremi. Sono vivipari con sviluppo completo dell’embrione nel tratto uterino delle vie genitali femminili, ove questo è racchiuso in un sacco amniotico; eccezionalmente (Monotremi) ovipari.
I Mammiferi si sono originati nel Triassico (da 225 a 190 milioni di anni fa) da un gruppo di Rettili, i Terapsidi.
Tra i gruppi attuali, i primi a differenziarsi sembra siano stati i Monotremi, eccezionalmente primitivi, conosciuti solo a partire dal Cretaceo inferiore (circa 120 milioni di anni fa) in Australia. Alla stessa epoca sembrano risalire i Marsupiali e i Placentati. Dopo l’estinzione di massa del Cretaceo (65,7 milioni di anni fa), che coinvolse i Dinosauri, i Mammiferi diedero luogo, per un fenomeno di radiazione adattativa, ad una rapida diversificazione di forme e dimensioni, anche se per tutto il Paleocene i piccoli mammiferi continuarono a dominare la scena. Nel corso dei successivi milioni di anni si sviluppò un gran numero di mammiferi primitivi, che non hanno corrispondenti nella fauna attuale. Queste forme primitive si estinsero lasciando il posto ai primi rappresentanti degli ordini attuali che si sono diffusi principalmente nell’ambiente terrestre (Artiodattili, Primati, Carnivori, Roditori, Perissiodattili), ma sono riusciti a colonizzare con successo anche l’ambiente acquatico (Pinnipedi, Sirenidi e Cetacei) ed aereo (Chirotteri).
I Mammiferi sono stati distinti nelle sottoclassi dei Prototheri (Monotremi: echidna e ornitorinco , mammiferi che depongono uova) e Theri (mammiferi che partoriscono prole viva), a sua volta suddivisa nella infraclasse dei Metatheri (Marsupiali) ed Eutheri (Placentati) (Simpson nel 1945).
Recenti indagini molecolari evidenziano diverse relazioni di parentela fra le varie famiglie di Mammiferi, che tuttavia non sono ancora confermate da ritrovamenti fossili.

Wallabi dall’unghia lunata (Onychogalea lunata) Z362

Wallaby dall’unghia lunata (Onychogalea lunata), Australia, Z362

Bibliografia:
WILDMAN DE, UDDIN M, OPAZO JC, LIU G, LEFORT V, GUINDON S, GASCUEL O, GROSSMAN LI, ROMERO R, GOODMAN M., 2007. Genomics, biogeography, and the diversification of placental mammals. Proc. Natl. Acad. Sci. U S A., 104, pp.14400.

WILSON D.E., REEDER D.M., 2005. Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference. 3a edizione. Johns Hopkins, University Press pp. 2142.

This entry was posted in Link. Bookmark the permalink. Both comments and trackbacks are currently closed.