Asse cristallografico c

Per esaminare dal punto di vista fisico un cristallo che ha la forma di un solido geometrico occorre riferire le sue facce, spigoli e vertici ad una terna cartesiana di assi cristallografici scelti considerando tre facce del cristallo aventi un vertice in comune. Esse formeranno a coppie tre spigoli convergenti e non complanari le cui direzioni possiamo assumere per assi cristallografici a, bc e ?, ?, ? gli angoli compresi rispettivamente tra bc, ac, ab. La croce assiale di riferimento segue il senso della geometria analitica con l’asse c verticale e l’asse a verso lo spettatore.

This entry was posted in Link. Bookmark the permalink. Both comments and trackbacks are currently closed.