Potenza birifrattiva

Dal punto di vista ottico, i minerali si possono suddividere in monorifrangenti (il raggio si propaga con la stessa velocità in tutte le direzioni) e birifrangenti in cui il raggio di luce si scinde in due raggi polarizzati linearmente e che vibrano in piani perpendicolari tra loro. Tali raggi si propagano con velocità diverse e quindi diversi indici di rifrazione; la differenza fra i valori degli indici è detta potenza birifrattiva.
Il fenomeno della birifrazione fu osservato per la prima volta da Erasmo Bartolino nel 1669 nei romboedri di Spato d’Islanda, varietà limpida della calcite. È una proprietà ottica molto importante per lo studio dei minerali al microscopio mineralogico.

This entry was posted in Link. Bookmark the permalink. Both comments and trackbacks are currently closed.