Cuspidina

Cuspidina
Località di provenienza
: Complesso vulcanico Somma - Vesuvio, Napoli, Campania, Italia
Collezione
: Collezione Vesuviana
Dimensioni reperto: 10×9x7 cm
Dimensioni cristalli: 5mm
Classe
: silicati
Sottoclasse
: sorosilicati
Sistema cristallino:
monoclino
N. Catalogo
: 11360 D181


Formula cristallochimica: Ca4[Si2O7](F,OH)

Calcare metamorfosato con cristalli di cuspidina, n.catalogo 11360 D1811

Calcare metamorfosato con cristalli di cuspidina, n.catalogo 11360 D1811

Il reperto è un calcare metamorfosato con cristalli bianchi di cuspidina dalla caratteristica forma a cuspide, ricoperti da una sottile patina di calcite e associati a cristalli di biotite.
La cuspidina fu scoperta nel 1876 da Arcangelo Scacchi che la rinvenne per la prima volta in un blocco calcareo metamorfosato del Monte Somma.
La cuspidina è un sorosilicato di calcio e fa parte di una famiglia composta da minerali con simmetria cristallina monoclina o triclina e formula cristallochimica generale M16[Si2O7]4(O, OH, F)8 dove M indica cationi di raggio e carica variabili, posti in coordinazione VI e VIII.

Calcare metamorfosato con cristalli di cuspidina, n.catalogo 11360 D1811 (dettaglio)

Calcare metamorfosato con cristalli di cuspidina, n.catalogo 11360 D1811 (dettaglio)

Bibliografia:
BIAGIONI C., 2007. I disislicati di Zr-Ti-Nb-REE delle sieniti a nefelina delle Iles de Los (Guinea). Tesi di laurea specialistica, Università degli Studi di Pisa.
CIPRIANI C., GARAVELLI C., 1987. Cristallografia chimica e mineralogia speciale.2,IV ed., USES Edizioni Scientifiche Firenze, 282 pp
DEER W.A., HOWIE R.A., ZUSSMAN J., 1994. Introduzione ai minerali che costituiscono le rocce. Zanichelli, 664pp
MERLINO S. , PERCHIAZZI N., 1988. Modular mineralogy in the cuspidine group of minerals. Canadian Mineralogist, 26, 933-943.
SCACCHI A., 1876. Della cuspidina e del neocrisoltilo, nuovi minerali vesuviani. Rendiconto R. Accad.delle Scienze Fis. e Mat. di Napoli,208
ZAMBONINI F., 1935. Mineralogia Vesuviana. II ed., a cura di E. Quercigh. Napoli 1935
This entry was posted in Real Museo Mineralogico. Bookmark the permalink. Both comments and trackbacks are currently closed.